CRIOCOMPRESSIONE

Accelera la tua guarigione con ghiaccio e compressione

 CHE COS’ E’ LA CRIOCOMPRESSIONE?

 

Un trauma o un dolore muscoloscheletrico sono eventi molto dolorosi che possono avvenire in circostanze sia sportive che lavorative.

Capire come intervenire nell’immediato, può contribuire a migliorare e velocizzare i tempi di recupero, ripristinando al meglio la zona lesionata.

Sappiamo che il ruolo del ghiaccio e della compressione della zona lesionata, può svolgere un ruolo molto importante a patto che queste due metodiche, come dimostrato dalla letteratura scientifica, vengano utilizzata contemporaneamente.

LA NASCITA DELLA CRIOCOMPRESSIONE

 

Da diversi anni i centri di fisioterapia più evoluti, come il nostro centro FISIOTERAPIA LUCCA, si sono dotati di una strumentistica in grado di entrare in azione fin dall’inizio di un trauma che può colpire, il muscolo, il tendine, il legamento o anche direttamente l’osso.

DA COSA E’ COMPOSTA UNA CRIO-COMPRESSIONE?

Il macchinario da crio-compressione è dotato di :

  • Un contenitore: dove all’interno viene inserita acqua e ghiaccio
  • un tutore: che è specifico per la zona anatomica da trattare: infetti i tutori sono anatomicamente predisposti per essere posizionati in maniera ergonomica ad ogni articolazione del corpo
  • un tubo flessibile: che collega il contenitore al tutore.

COME FUZIONA LA CRIO-COMPRESSIONE?

La crio-compressione è un macchinario da fisioterapia che permette l’utilizzo di ghiaccio abbinato ad una compressione sulla zona che ha subito il trauma.

Quindi abbiamo la possibilità, con un unico macchinario, di generare contemporaneamente due procedure basilari per il recupero fisico.

Dal contenitore, attraverso il tubo flessibile, l’acqua a temperatura sempre più bassa raggiunge il tutore scelto per il trattamento il quale contemporaneamente va a creare una compressione sulla zona da trattare.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA CRIO-COMPRESSIONE?

La crio-compressione va ad eseguire una riduzione dei capillari generando una diminuzione dell’afflusso sanguigno nelle zone da trattare.

Questo genera:

  • riduzione dell’infiammazione
  • riduce la sensibilità delle terminazioni nervose
  • riduce il dolore
  • riduce il gonfiore (edema) indotto da trauma

QUALI SONO LE INDICAZIONI PER LA CRIO-COMPRESSIONE?

La crio-compressione può essere usata principalmente:

  • nelle terapie post-traumatiche
  • nella fase acuta di infortuni (distorsioni, lesioni muscolari, contusioni, contratture)
  • lesioni e/o dolori articolari
  • artrosi
  • fratture
  • dolore e/o gonfiore post intervento chirurgico.

QUALI SONO LE CONTROIDICAZIONI ALLA CRIO-COMPRESSIONE?

 

La crio-compressione deve essere usata da fisioterapisti laureati e specializzati in problematiche muscolo-scheletriche e sempre dopo un attenta visita del pz, evitando ad esempio di utilizzarla in:

  • pazienti che soffrono di problematiche circolatorie
  • pazienti che soffrono della malattia di Raynaud
  • e pazienti che male tollerando le basse temperature
  • paziente affetto da malattia di Raynaud

Inoltre è fondamentale dosare la potenza della compressione in base:

  • alla zona da trattare
  • alla presenza di gonfiori (ematomi) molto voluminosi
  • alla tollerabilità del paziente

UN AIUTO VALIDO E SICURO PER UNA PRONTA GUARIGIONE!

Come abbiamo potuto leggere la crio-compressione è uno strumento fisioterapico sicuro e di grande aiuto per il fisioterapista durante il trattamento di traumi o dolori articolari.

Il suo utilizzo è strettamente legato a fisioterapisti laureati e specializzati che possono utilizzare tale dispositivo sia in clinica o addirittura a domicilio, essendo molto facile nel trasporto anche a mano.

INFORMATI CON IL NOSTRO BLOG

 

10 Benefici dello Stretching

10 Benefici dello Stretching

Lo stretching è un’attività spesso sottovalutata e trascurata, eppure è molto più di una semplice routine di esercizi: é una pratica che può arricchire la tua vita sotto molteplici aspetti, non solo di salute!Beneficio n°1: Migliora la FlessibilitàÈ il vantaggio più...

leggi tutto
La tenosinovite di De Quervain

La tenosinovite di De Quervain

Cos'è tenosinovite di De Quervain?La tenosinovite di De Quervain è una condizione dolorosa che coinvolge i tendini coinvolti nel movimento del pollice, in particolare il tendine del muscolo abduttore lungo del pollice (APL) e il tendine del muscolo estensore breve...

leggi tutto
Dolore al piede: la fascite plantare

Dolore al piede: la fascite plantare

Cos'è la fascia?La fascia plantare è un legamento spesso di tessuto connettivo che origina a livello del calcagno e si inserisce sui tendini dell'avampiede e delle falangi prossimali.Le sue funzioni sono di sostegno dell'arco plantare e di ammortizzazione del peso del...

leggi tutto
Il tunnel carpale: dai sintomi alle terapie

Il tunnel carpale: dai sintomi alle terapie

La sindrome del tunnel carpale è una neuropatia periferica dovuta alla compressione del nervo mediano, è una patologia molto diffusa che colpisce principalmente le donne tra i 40 e i 60 anni. Anatomia Il Nervo Mediano è un nervo misto, facente parte del plesso...

leggi tutto
Mal di testa: la cefalea mio-tensiva

Mal di testa: la cefalea mio-tensiva

Cos’è la cefalea mio-tensiva?La cefalea mio-tensiva è il più comune tipo di mal di testa. L’International Headache Society definisce questo tipo di cefalea come Tension Type Headache (TTH). Nell’International Classification of Headache Disorders, la cefalea...

leggi tutto
PEFS: non solo cellulite

PEFS: non solo cellulite

La “cellulite”, nota anche come PEFS (panniculopatia edemato-fibrosclerotica), è una condizione metabolica del tessuto sottocutaneo.FisiopatologiaLe evidenze scientifiche dimostrano che alla base della formazione della cellulite vi siano alterazioni circolatorie e...

leggi tutto

CONTATTACI

Prenota la tua prima visita e risolvi il tuo problema.

× Scrivici su WhatsApp