ONDE D’URTO

Come riconoscere e risolvere problemi neurologici

COSA SONO LE ONDE D’URTO?

 

Le onde d’urto o “litotritore” è un tipo di elettromedicale utilizzato in fisioterapia per il trattamento di condizioni patologiche persistenti e resistenti ad altri trattamenti conservativi tipo laserterapia o tecarterapia.

Nasce in ambito urologico come trattamento mini invasivo di calcolosi renali o ureterali tramite l’emissione di onde acustiche esterne evitando così interventi invasivi. Viste le sue enormi potenzialità è stato poi suggerito in un secondo momento l’utilizzo anche in ambito muscolo-scheletrico.

Le onde ad alta energia sono di origine acustica. Si differenziano da quelle degli ultrasuoni nella forma: le onde d’urto sono ad impulsi singoli mentre quelle della terapia ad ultrasuoni sono di forma sinusoidale.

Altra caratteristica importante nelle onde d’urto è il genere di onda che viene generata. Immagina di vedere il segnale del wi-fi che trovi sul tuo cellulare: nelle onde RADIALI l’origine della forza parte dal puntino, mentre in quelle FOCALI la partenza invece è dal punto più largo fino a focalizzarsi in un punto singolo. Questa differenza di genere fa sì che l’elettromedicale RADIALE viene utilizzato ed erogato da un fisioterapista, mentre quello FOCALE viene usato da personale medico previo puntamento ecografico immediatamente prima della somministrazione della terapia e dal solito operatore.

COME AGISCONO LE ONDE D’URTO?

 

Quando l’onda d’urto colpisce il tessuto bersaglio crea una microinfiammazione locale iatrogena, ovvero controllata dall’operatore. E’ normale quindi percepire una sensazione spiacevole durante e subito dopo la terapia. 

E’ importante spiegare che il processo infiammatorio non è altro che il primo fenomeno fisiologico che poi a cascata porta naturalmente alla riparazione e guarigione di ogni tessuto del corpo umano danneggiato o leso. In sostanza senza infiammazione non si ha guarigione.

Il processo infiammatorio creato è talmente di breve entità che non costituisce pericolo per il paziente, ma anzi ha solo effetto benefico.

L’intenzione è di creare un effetto biostimolante con l’aiuto di un apparecchio esterno.

QUANDO SI UTILIZZANO?

 

Di conseguenza si consiglia l’utilizzo delle onde d’urto in tutte quelle patologie dove il processo di guarigione si è rallentato o stabilizzato in un punto fermo. Quelle condizioni in cui è necessaria una spintarella in più per finire di ripararsi. Sono quindi condizioni persistenti dove la vascolarizzazione dei tessuti è scarsa, il che rende difficile la guarigione.

Si usano in tendinopatie degli arti superiori o inferiori, tendinosi, tendiniti, tendiniti calcifiche, fasciti e fasciosi, fibrosi cicatriziali, periostiti, trattamento dei trigger point miofasciali, deficit di ossificazione o pseudoartrosi.

COME SI STRUTTURA UN CICLO DI ONDE D’URTO?

 

Tendenzialmente è formato da 3-5 sedute a cadenza settimanale per dare tempo all’infiammazione di partire e fare il proprio lavoro. Si programmano dei controlli di follow up a seguito dell’ultima seduta di terapia a 3-6-9 settimane per monitorare l’andamento dei sintomi del paziente e del recupero delle funzionalità della vita quotidiana.

Durante questo periodo vengono associati esercizi terapeutici semplici da svolgere in autonomia per velocizzare ancor di più il percorso di guarigione. Questi ultimi vengono selezionati in accordo con il terapista e personalizzati per ogni paziente di modo tale che siano il più specifici e fattibili possibile.

Visto che il principio base su cui si basa questa terapia è la creazione di una microinfiammazione  è scontato il divieto di utilizzare FANS o altri farmaci anti-infiammatori in quanto andrebbero a inibire l’effetto benefico. Lo stesso divieto vale anche per l’utilizzo di altri elettromedicali in fisioterapia che lavorano sulla riduzione dell’infiammazione come tecarterapia, laser o ultrasuoni.

In caso di dolori non accettabili si consiglia l’uso di farmaci prettamente antidolorifici sotto prescrizione medica.

INFORMATI CON IL NOSTRO BLOG

 

Trigger points

Trigger points

Lo sai che non esistoni i "nervi accavallati"?No, i nervi non si accavallano, ma può trattarsi di Trigger Point, un’area particolarmente dolorosa associata a un nodulo palpabile, contenuto all’interno della fascia, lo strato di tessuto connettivo che riveste i...

leggi tutto
Emicrania e cefalea

Emicrania e cefalea

Mal di testaGiugno è il mese della consapevolezza dell’emicrania e della cefalea, il momento giusto per scoprire di più sul tuo mal di testa! Cos'è?  La cefalea, comunemente chiamata “mal di testa” è la terza patologia più frequente nel mondo e la prima tra le...

leggi tutto
Ginnastica Ipopressiva e Diastasi

Ginnastica Ipopressiva e Diastasi

Cos’èLa Ginnastica Ipopressiva Addominale, anche chiamata ginnastica ipopressoria, è un metodo di riprogrammazione posturale ideato dal dott. Marcel Caufriez per trattare la diastasi dei retti dell’addome. Viene efficacemente impiegata in fase pre e post-chirurgica e...

leggi tutto
Incontinenza urinaria

Incontinenza urinaria

Cos'è l'incontinenza urinariaL’incontinenza urinaria è una problematica che in Italia interessa 2,5-3 milioni di persone, con un forte impatto sulla qualità della vita, specie a livello psico-emotivo e sociale.  A causa dell’imbarazzo nell’affrontare il problema,...

leggi tutto
Diastasi addominale

Diastasi addominale

Cos'è la diastasi addominaleCon questo termine s’intende l’allontanamento dei 2 muscoli retti addominali dalla linea alba, o linea mediana, una sottile striscia di tessuto connettivo non elastico che si estende dallo sterno al pube. Si parla di “diastasi addominale”...

leggi tutto
NEUROMODULAZIONE: Scopri i suoi benefici

NEUROMODULAZIONE: Scopri i suoi benefici

Cos’è la neuromodulazione? La neuromodulazione è una terapia strumentale che ha iniziato a svilupparsi negli anni ‘80 e utilizza microcorrenti a bassa e media frequenza. La neuromodulazione è indolore e non invasiva, consente di individuare e trattare aree dolorose,...

leggi tutto
Incontinenza fecale

Incontinenza fecale

Cos’è l'incontinenza fecale? L’incontinenza fecale è definita come “la perdita involontaria dall’ano di materiale fecale, solido, liquido o gassoso.”  Rientrano nell’ambito dell’incontinenza fecale anche il soiling, ovvero piccole perdite di muco e feci, e l’urgenza...

leggi tutto
Stitichezza

Stitichezza

Cos’è la stipsi?La stipsi, nota anche come stitichezza, è la difficoltà a svuotare del tutto o in parte l’intestino ed è una condizione che può impattare notevolmente sulla qualità di vita.  Spesso si accompagna a feci dure, dovute ad un eccessivo riassorbimento di...

leggi tutto

CONTATTACI

Prenota la tua prima visita e risolvi il tuo problema.